Archivi tag: violenza

Napoli come Genova

Riprendo da una lettera inviata e Grillo e pubblicata sul suo blog ieri mattina. Non porta la firma del primo che passa, ma di Elisa Di Guida, docente di Storia e Filosofia a Napoli:

Datemi voce e spazio perché sui giornali di domani non si leggerà quello che è accaduto. Si leggerà che i manifestanti di Chiaiano sono entrati in contatto con la polizia. Ma io ero lì. E la storia è un’altra. Alle 20 e 20 almeno 100 uomini, tra poliziotti, carabinieri e guardie di finanza hanno caricato la gente inerme. In prima fila non solo uomini, ma donne di ogni età e persone anziane. Cittadini tenaci ma civili – davanti agli occhi vedo ancora le loro mani alzate – che, nel tratto estremo di via Santa Maria a Cubito, presidiavano un incrocio.
Tra le 19,05 e le 20,20 i due schieramenti si sono solo fronteggiati. Poi la polizia, in tenuta antisommossa, ha iniziato a caricare. La scena sembrava surreale: a guardarli dall’alto, i poliziotti sembravano solo procedere in avanti. Ma chi era per strada ne ha apprezzato la tecnica. Calci negli stinchi, colpi alle ginocchia con la parte estrema e bassa del manganello. I migliori strappavano orologi o braccialetti. Così, nel vano tentativo di recuperali, c’era chi abbassava le mani e veniva trascinato a terra per i polsi.
La loro avanzata non ha risparmiato nessuno. Mi ha colpito soprattutto la violenza contro le donne: tantissime sono state spinte a terra, graffiate, strattonate. Dietro la plastica dei caschi, mi restano nella memoria gli occhi indifferenti, senza battiti di ciglia dei poliziotti. Quando sono scappata, più per la sorpresa che per la paura, trascinavano via due giovani uomini mentre tante donne erano sull’asfalto, livide di paura e rannicchiate. La gente urlava ma non rispondeva alla violenza, inveiva – invece – contro i giornalisti, al sicuro sul balcone di una pizzeria, impegnati nel fotografare.
Chiusa ogni via di accesso, alle 21, le camionette erano già almeno venti. Ma la gente di Chiaiano non se ne era andata. Alle 21.30, oltre 1000 persone erano ancora in strada. La storia è questa. Datemi voce e spazio. Perché si sappia quello che è accaduto. Lo stato di polizia e l’atmosfera violenta di questa sera somigliano troppo a quelli dei regimi totalitaristi. Proprio quelli di cui racconto, con orrore, ai miei studenti durante le lezioni di storia.

Sono stati voltati coloro che hanno voluto e lasciato che Genova si trasformasse in una “notte cilena”. Ora non possiamo aspettarci nulla di diverso.

Cosa aspettiamo a fermare il calcio?

Pallone Ieri si è concluso il campionato. Si è concluso con un’ennesimo caso di scontri tra tifosi e polizia, a Parma, che ha provocato il ferimento di 2 poliziotti e 5 tifosi. Naturalmente tutto è stato messo sotto sordina per non disturbare, nell’ordine i festeggiamenti dei tifosi interisti (gli stessi che si sono poi resi protagonisti dell’aggressione ai tifosi del Parma che ha scatenato gli scontri con le forze dell’ordine e gli stessi che hanno poi devastato la scuola vicina allo stadio, eletta per l’occasione “quartier generale”) ed “il manovratore”, che ha ben altre cose di cui occuparsi al momento. L’idea è che, come sempre, finché non ci scappa il morto non succede nulla.

Lo stadio di Parma era stato chiuso, per motivi di ordine pubblico, ai tifosi interisti, che hanno comunque deciso di recarsi nella città emiliana, in barba a tutte le leggi che dovrebbero impedire agli ultras di recarsi agli stadi se non in possesso di un regolare biglietto. Arrivati a Parma, gli stessi tifosi si sono resi protagonisti di vandalismi e violenze gratuite, “giustificate” dall’euforia del momento e dal fatto che la polizia si “ostinava a non farli entrare allo stadio per festeggiare”. In presenza di una palese violazione della legge già per via della loro presenza a Parma, questi tifosi non avrebbero dovuto essere arrestati, uno per uno?

Il bilancio di questa stagione vede elencati morti e feriti, devastazioni, incendi, danni ingenti. Una specie di bollettino di guerra, che si ripete di anno in anno, praticamente immutato nonostante i continui “decreti” e “disegni legge”. Al prossimo morto ammazzato “per pallone”, si sprecheranno le parole di sbigottimento e condanna, si fermerà il campionato per una o due giornate, si installeranno altri tornelli e altre telecamere, dopodiché tutto tornerà esattamente come prima.

Mi chiedo che cosa si aspetti a fermare questo calcio, ad intervenire duramente. Il prossimo campionato dovrà essere fermato (e cancellato) al primo tafferuglio. Sfruttiamo la pausa estiva per mettere in piedi i necessari aspetti legali, ma procediamo!

Conviene spaccare teste che devastare

Quarantaquattro gatti in fila per tre col resto di due In Italia, con le leggi vigenti, conviene decisamente spaccare teste tra i militanti della “sinistra antagonista”, “dissidenti” e “no-global” di ogni forma e colore, che commettere reati di devastazione. Sono le logiche conclusioni a cui si arriva mettendo sui due piatti della bilancia le pene richieste dai pubblici ministeri per i “dissidenti” del G8 di Genova che, sebbene siano poi state dimezzate dalle sentenze, venivano così commentate nell’articolo di Repubblica:

La pena più pesante, 16 anni, la procura l’ha richiesta per Marina Cugnaschi, 41 anni di Lecco, “l’eroina” anarchica del centro sociale milanese Villa Okkupata, ripresa in un video mentre lancia una bottiglia incendiaria contro il portone di ingresso del carcere di Marassi.

E’ ovvio, ma voglio ribadirlo, che condanno fermamente qualsiasi atto di violenza, compreso quello commesso dai “dissidenti” che hanno messo a ferro e fuoco Genova (e non scenderò nell’argomentare la precisazione del fatto che si tratti di una risicata minoranza perché questo esula dal contesto di questo post): la violenza non è mai un modo per raggiungere una soluzione positiva ad un problema, neppure quando questo provoca rabbia; non è civile.

Se invece andiamo a vedere le condanne chieste per i responsabili delle abominevoli violenze della caserma di polizia di Bolzaneto (definita dagli stessi comandanti “una notte cilena”, un “mattatoio”, “un girone infernale”), le richieste arrivano ad un massimo di cinque anni ed otto mesi di reclusione, decisamente meno rispetto a quanto richiesto per i reati di devastazione. Riporto dall’articolo del Corriere:

La pena più pesante è stata chiesta per Antonio Biagio Gugliotta, ispettore della polizia penitenziaria in servizio a Bolzaneto come responsabile della sicurezza. Tra le accuse nei suoi confronti, le percosse con calci, pugni, sberle e manganello in dotazione di arrestati e fermati per identificazione.

Una delle ragioni di questa disparità eclatante, è che sebbene ai fermati di Bolzaneto siano state inflitte almeno quattro delle “metodologie di interrogatorio” che la Corte Europea sui Diritti Umani definisce “inumane, crudeli e degradanti” (se basta a definire “dita spezzate, pugni, calci, manganellate su persone inermi, bruciature con accendini e mozziconi di sigaretta, bastonate alle piante dei piedi, teste sbattute contro i muri, i volti spinti nella tazza del water”), e sebbene la definizione di questi trattamenti sia “molto vicina” (come fatto rilevare dagli stessi pm) al concetto di “tortura”, in Italia questo reato non è previsto perché il nostro paese è tutt’ora inadempiente a quanto previsto dalle convenzioni internazionali, con particolare riferimento ai trattati firmati presso le Nazioni Unite nel 1988: le pene richieste quindi, non si è potuto contestare altro che un “abuso d’ufficio”.

Una proposta di legge, che proprio a fronte dei fatti accaduti a Genova, introduceva nel codice penale il reato in questione era in fase di discussione in Parlamento proprio nei giorni della caduta del governo Prodi. Così, al danno, si aggiunge la beffa, con il principale candidato alle elezioni politiche di aprile, Silvio Berlusconi, che non solo era già capo del governo durante i fatti di Genova, non solo ha partecipato, da politico, alle coperture ed alla difesa degli autori di questi abominevoli reati, ma parla esplicitamente di contrasto ai dissidenti nel primo punto della terza missione del suo programma elettorale.

Ci sarà mai giustizia per Genova?

La crudeltà (dis)umana

[Fonte: Un video incastra un marine in Iraq: lancia per gioco un cane in un burrone Corriere della Sera ]
All’improvviso, il soldato americano solleva l’animale oltre la testa e lo tira nel burrone che ha davanti, mentre una voce fuori campo mormora un assai poco convinto “that’s mean” (“che cattivo”). Il filmato, già visto più di 8000 volte su Youtube, si conclude con i terribili guaiti del cucciolo che sbatte contro le rocce e cade sul fondo del dirupo.

La crudeltà umana non ha limiti. Sempre che umano si possa definire un essere così spregevole.

Università USA: l’ennesima strage annunciata

Davis Hall Geography and Geology Building Dopo la famosa vicenda di Columbine ed a meno di 12 mesi dalla strage del campus universitario di Blacksburg della Virginia Tech University, negli Stati Uniti si torna a morire nelle università. Questa volta la sorte è toccata agli studenti della Northern Illinois University di Dekalb, contro i quali è esplosa la rabbia di un ex-studente dell’università per motivi ancora ignoti.

L’uomo, Stephen Kazmierczak, è entrato da una porta laterale di una delle affollate sale nella quale si stava svolgendo una lezione, è salito sul podio dove si trovava l’insegnante, e con calma e sangue freddo ha sparato in rapida successione verso gli studenti, uccidendone cinque e ferendone altri sedici (alcuni di quali in modo grave), prima di togliersi la vita.

Purtroppo neppure questa volta il bagno di sangue porterà gli Stati Uniti ad adottare una più oculata legislazione sull’uso e sulla circolazione delle armi: le lobby dei produttori, infatti, colgono ogni occasione (comprese queste) per incitare ulteriormente alla violenza, affermando ad esempio che se gli studenti dell’aula fossero stati armati, avrebbero potuto difendersi. Quello che continuano a non capire, in effetti, è che il tempo del selvaggio west è finito, che la risposta alla violenza non è “ancora più violenza” (e soprattutto, immagino, “ancora più soldi” per loro).

Possiamo sperare che Obama e/o la Clinton si pronuncino nei prossimi giorni in questo senso?

Spray urticante alle milanesi!

sprayLa Lega è in subbuglio. Milano è una città pericolosa ed insicura, piena di “extramunitari e extrauropei”, così che è dovere del partito trovare degne soluzioni al problema: si è pensato di regalare alle donne spray urticanti “per potersi difendere dalle molestie”.

Poco importa che i crimini, a Milano, siano in diminuzione.
Poco importa che la cosa di cui realmente si devono preoccupare le donne (milanesi e non) sono le violenze tra le mura domestiche (tra il 20 ed il 30% delle donne italiane subiscono violenza dal partner o ex-partner e solo un terzo sporge poi denuncia, mentre se lo stupro è solo “tentato” questa percentuale scende sotto il 2%), dei propri partenti e conoscenti (le vittime di violenze da parte di estranei è del 3%), che le fanno vittime del 70% di quel 25% di omicidi che vengono commessi tra le mura di casa (nell’80% dei casi da uomini), e che curiosamente sono più frequenti proprio nel “civilissimo” Nord Italia piuttosto che nel Sud del paese.
Poco importa che gli “extracomunitari”, regolari o clandestini che siano, sono sempre più spesso vittime prima che autori di violenze.

Alla Lega tutto questo non importa, non interessa. L’importante è cavalcare la paura della gente verso “il diverso”, verso i più deboli, verso “gli altri”.

Continuiamo a fare politica in questo modo. Ci guadagnamo certamente tutti.

Ancora del Kenya

Blank Sheet of Paper Leggo queste poche righe da un post del sempre interessante blog collaborativo di Nazione Indiana: si tratta di una lettera anonima, forte e tagliente come una lancia. Non voglio spendere altre parole, perché leggerla spiega molto più di quanto le mie parole possano fare.
Dirò solamente che a rigor di logica non abbiamo modo di verificare l’autenticità di quanto raccontato (che nella sua drammaticità, è pure un bell’esempio di letteratura), eppure la cosa drammatica è che è tutto così plausibile, che anche non lo fosse non cambierebbe nulla. Nell’assuefatto silenzio internazionale, in Kenya si sta consumando una tragedia, l’ennesima tragedia di uomini contro uomini.

Scrivere questa lettera sarà la mia ultima azione mortale su questa terra. Ho deciso, per due ragioni, di raccogliere gli indirizzi mail delle persone preminenti che conosco e dei miei amici e mandarla da un indirizzo anonimo.
La prima è risparmiar loro lo sconforto di sapere anticipatamente quel che mi accingo a fare e quindi sottrarli ad ogni colpevolezza. E in secondo luogo perché la mia identità ora come in futuro è irrilevante- potrei essere qualsiasi persona sparsa per il paese che prova ciò che provo io.
Come potrete intuire dalla mia scrittura, sono un uomo colto. Sono laureato alle università di Nairobi e di Strathmore. Ho avuto il privilegio di ricevere un’istruzione in varie parti del mondo.
Ho lavorato a Berlino, Stoccolma, Londra, New York e in vari altri posti. Parlo correntemente sei lingue.
Ma pur con tutto quel che ho raggiunto, non ho più una ragione per vivere. Se leggendo queste parole vorrete cercarmi, andate al obitorio cittadino dove ho deciso di marcire in mezzo alla gente anonima che finisce lì.
Vi spiegherò il perché con questa lettera e, come Pavlov, mi ritirerò. Questa sarà la mia unica protesta.
Mr Kibaki, io la incrimino.
Lei ha rubato le elezioni alle quali partecipare mi è costato sei ore di fila. Grazie alle sue azioni, la mia vita è cambiata irrevocabilmente. La storia non dimenticherà i grandi obiettivi e l’eredità che lei sarebbe stato chiamato ad onorare, e ricorderà che a causa della sua arroganza di credersi nel giusto, molte persone hanno perso la vita, la proprietà, e più di ogni altra cosa, la speranza.
In nome del sangue del mio popolo, io la incrimino.
Mr Odinga, presidente da me prescelto, in nome del sangue e delle lacrime del mio popolo, io la incrimino.
A causa della sua amarezza, per quanto giustificata, la mia vita cambia irrevocabilmente. La cosa maggiore che ho acquisito, la mia famiglia, è morta in nome suo. Mio figlio, il mio erede, colui che porta il nome dei miei antenati, è andato in fumo prima che potesse pronunciare il mio nome o il suo: Koitalet.
Le mie gemelle, Wanjiru e Sanaipei, furono trovate presso la mia casa bruciata ad Eldoret ferite e dissanguate. Mia moglie è morta con dentro di lei il seme di sei uomini, in uno stato finale di demenza e catatonia. Questo è successo in nome suo, signore. Perché lei deve ottenere la sua giustizia. Perché mia moglie apparteneva alla comunità sbagliata. Perché lei deve ottenere ciò che le spetta.
Lei questo lo leggerà e non proverà nulla. Lo razionalizzerà come accettabili danni collaterali. A qualcuno tocca pur di morire per il conseguimento della giustizia, non è cosi?
Keniani, in nome del sangue dei miei figli, vi incrimino tutti. Avete perso il controllo.
Avete dimenticato che la nostra appartenenza etnica è qualcosa di cui abbiamo sempre scherzato mentre sbrigavamo le nostre faccende.
Avete dimenticato che non era nostra abitudine combattere, ma mediare. Avete dimenticato che siamo un grande popolo costruito sulla schiena di grandi persone. Avete dimenticato che si tratta soltanto di elezioni. In nome del sangue dei miei figli, delle lacrime di mia moglie morta, delle lacrime delle vostre madri, delle lacrime che intridono le lenzuola di coloro che dormono nella pioggia, io vi incrimino.
PATRIOTA
Nairobi