Archivi tag: scandalo

Costi della politica

torta di nocciole La questione dei costi della politica è sulla bocca di tutti, da qualche tempo a questa parte. Fino a oggi non avevo affrontato la questione per un motivo molto semplice: quando la nostra amministrazione pubblica spende 2 miliardi di euro l’anno in licenze di software proprietario (10 volte i costi della politica in oggetto), sono altri i problemi da affrontare (ora esula dal discorso, però).

La cosa che mi spinge ad affrontare la questione, è l’articolo di Repubblica che va a fare le pulci ad una modifica alla legge voluta dall’ultimo governo Berlusconi, che era apparentemente passata sotto il naso alla stampa, nel 2006 (guarda un po’…): in caso di fine anticipata della legislatura (come sarà il caso del governo Prodi), ai partiti verranno comunque versati i “rimborsi elettorali” (50 milioni di euro l’anno in tutto) che gli “spetterebbero” se la legislatura continuasse, per un totale di 300 milioni di euro (150 per la Camera, 150 per il Senato), da distribuire proporzionalmente ai voti raccolti, tra i vari partiti.

Ora, tralasciando il fatto che il referendum del 1993 aboliva il finanziamento pubblico ai partiti (per reintrodurlo con il nome di “rimborsi elettorali” hanno fatto passare addirittura sei anni!), fino al febbraio 2006 la legge prevedeva che terminata una legislatura, terminassero anche i relativi rimborsi, che lasciavano così il posto a quelli in arrivo con le nuove elezioni.
Invece la modifica apportata dal governo Berlusconi, prevede che

In caso di scioglimento della Camere l’erogazione del rimborso è comunque effettuata

Così, tenendo conto del rimborso forfettario di 1 euro (800 lire fino al febbraio 2006, quando Berlusconi optò per un brusco adeguamento all’inflazione) calcolato in percentuale dei voti ottenuti sulla base degli “aventi diritto al voto” (chi se ne frega se poi alle urne ci vanno o meno, con questo trucchetto escono quasi 20 milioni di euro l’anno in più), e assegnando (per comodità di calcolo) le stesse ripartizioni tra Camera e Senato, ecco le cifre in questione:

Partito Camera Senato Totale da percepire Su 3 anni
L’Ulivo € 16.038.257,19 € 16.038.257,19 € 32.076.514,38 € 96.229.543,14
Forza Italia € 12.343.500,77 € 12.343.500,77 € 24.687.001,54 € 74.061.004,62
Alleanza Nazionale € 6.327.567,26 € 6.327.567,26 € 12.655.134,52 € 37.965.403,56
UDC € 3.524.482,27 € 3.524.482,27 € 7.048.964,54 € 21.146.893,62
Partito della Rifondazione Comunista € 2.996.963,20 € 2.996.963,20 € 5.993.926,40 € 17.981.779,20
Lega Nord € 2.351.496,03 € 2.351.496,03 € 4.702.992,06 € 14.108.976,18
La Rosa nel Pugno – Laici Socialisti Liberali Radicali € 1.331.743,18 € 1.331.743,18 € 2.663.486,36 € 7.990.459,08
Italia dei Valori – Lista Di Pietro € 1.204.570,63 € 1.204.570,63 € 2.409.141,26 € 7.227.423,78
Partito dei Comunisti Italiani € 1.188.490,19 € 1.188.490,19 € 2.376.980,38 € 7.130.941,14
Federazione dei Verdi € 1.054.973,62 € 1.054.973,62 € 2.109.947,24 € 6.329.841,72
Popolari UDEUR € 717.949,29 € 717.949,29 € 1.435.898,58 € 4.307.695,74
Sudtiroler Volkspartei € 323.324,68 € 323.324,68 € 646.649,36 € 1.939.948,08
Autonomie Liberté Democratie € 80.831,17 € 80.831,17 € 161.662,34 € 484.987,02
L’Unione € 366.169,73 € 366.169,73 € 732.339,46 € 2.197.018,38
Totale: € 49.850.319,21 € 49.850.319,21 € 99.700.638,42 € 299.101.915,26

A questi, ovviamente, si sommeranno quelli derivanti dalla nuova legislatura (Camera e Senato), e naturalmente dalle Europee, e dalle elezioni regionali. Niente male, niente male davvero…

Alle prossime elezioni, viste le cifre, posso almeno chiedere che non mi venga data una matita mangiucchiata?

Ci risiamo

Eccoci qui, nonostante tutti i buoni propositi che ogni volta si fanno, torniamo a parlare di Calcio. Non di calcio giocato (del quale non me ne può, onestamente, calare di meno), ma della gestione dello sport “calcio” in Italia.

Sento spesso dire “in Italia, il calcio, è una religione”. Probabilmente è vero. Il calcio è sempre difeso, squadre vicine al fallimento vengono “generosamente sostenute” da improbabili “fondi salva-calcio” , mentre negli altri sport si fa la fame. Fame di sponsor, fame di mass media, fame di ascolti.

Il calcio invece tutto questo ce l’ha. Incassa milioni di euro ogni domenica, decine di trasmissioni televisive analizzano “ogni millimetro percorso dalla palla sferica e dai 22 scemi che la ricorrono”, gli sponsor sono pronti a scucire milioni di dollari affinchè la squadra si aggiudichi questo o quel giocatore famoso.

Gli scandali sulle scommese sono stati lavati via come acqua fresca.
Lo scandalo del doping è stato messo a tacere.
Lo scandalo Moggi è stato già ampiamente dimenticato, grazie anche alla provvidenziale vittoria in Germania.

Se tutto questo fosse successo ad un’altro sport (uno a caso, il ciclismo), probabilmente la situazione sarebbe drammaticamente diversa, ma sorvoliamo. Questi non sono i veri problemi, qui si tratta solo di far scucire migliaia di euro ogni anno ai tifosi, e farli divertire come si può. Può starci.

Quello che assolutamente non può starci però, è la violenza. Ogni domenica (tranne sporadiche eccezioni) si sente di scontri piu o meno accesi tra gli “ultrà” di questa o di quella formazione e la polizia, o con altri gruppi di “teppisti” loro simili. Spesso ci finiscono di mezzo persone che non c’entrano nulla, ma tanto la domenica dopo si gioca ancora, e tutti se lo saranno già dimenticati. Si è addirittura arrivati a far piovere un motorino dagli spalti superiori di San Siro sulle tribune sottostanti, fortunatamente poco riempite in quell’occasione. Ma anche questo è stato dimenticato.

Ogni anno o quasi ci sono “nuove misure” per combattere il fenomeno, buone intenzioni, e poi invece non si va da nessuna parte. Ci sono state le telecamere, i biglietti nominativi, i controlli, le perquisizioni. Eppure alla fine, tutto torna a ripetersi, drammaticamente, come successo questa sera.

Al termine del “derby siciliano” Catania – Palermo, gli scontri tra le tifoserie (quasi quasi si finisce con il farli passare in secondo piano!) hanno coinvolto anche la Polizia, che cercava di frapporsi tra i teppisti delle due fazioni. A pagarne le conseguenze piu gravi (come se gli oltre 100 feriti non fossero una cosa grave, purtroppo), colpito ed ucciso da una bomba carta, un ispettore della Polizia, il cui nome in questa sede non è importante (le mie piu sentite condoglianze vanno alla famiglia), colpevole solo di svolgere il proprio lavoro. Un secondo agente, si trova attualmente ricoverato in gravissime condizioni. Speriamo che almeno per lui la sorte sia migliore.

Ora, naturalmente, nel piu puro stile italico, “si sospendono i campionati“. Quanto durerà? Secondo me non arriviamo a domenica…

Update: ebbene si, a domenica ci arriveremo. Anche perchè è stato confermato dalla FIGC che saranno sospese tutte le partite della prossima giornata, fino alle giovanili.

Update2: Leggendo qua e la le dichiarazioni “a caldo” (piace molto a chi ha il potere riempirsi la bocca di parole) che chiedono uno stop di addirittura un anno, mi rammento che un’altro omicidio era stato commesso soli 5 giorni fa. Ce n’eravamo già dimenticati, e oggi si giocava…