Archivi tag: report

HackMeeting 2007 Day #0x01

Eccoci al termine della seconda giornata (naturalmente manca la notte :P) dell’HackMeeting 2007. La “notte brava” di ieri è stata davvero pesante, soprattutto a causa della musica del rumore assordante che non è cessato neppure a notte inoltrata (ed è appena ricominciato… penso che stasera quelle casse gliele faccio mangiare, e senza sale…).La Nazione, 29 settembre 2007, p. 26
Alle 4:45, io e Danilo abbiamo preferito passare la restante parte delle poche ore notturne rimaste a nostra disposizione al comodo interno della macchina, visto che posto dove stendere il sacco a pelo, nel CS Rebeldia, ne rimaneva davvero poco. Corrado ha dormito “ad intermittenza” (aveva in realtà già cominciato, portandosi avanti, durante le due ore precedenti) e pareva piuttosto fresco, al mattino (anche grazie al contributo di un buon caffè), mentre Bruno, che presumibilmente ha passato la nottata sveglio, ha ceduto, nel pomeriggio, alle lusinghe di Morfeo.

Questa mattina, sveglia alle 9:30, caffè e piadina al bar in compagnia di Bruno e Corrado, e poi la felice notizia a conferma che l’opera di ieri sera aveva funzionato a dovere. Ci hanno raggiunto in giornata, al Rebeldia, anche Naif, LK, Marco Calamari, Paolo Didoné, mayhem ed ascii. Ho intravisto anche Marco Bertorello, Simone Bruschi (e la sua dolce metà) e Lorenzo Losa, darklady e sgrakkiu (che non ho ancora visto). Da segnalare la visita lampo di ‘pierluigi’, che è arrivato, rimasto meno di 5 ore, e rientrato, per il solo gusto di vedere i nostri (#archlinux) “bei” visini.

La rete continua ad andare a singhiozzo, anche grazie a qualche furbone che fa arp-spoofing a tutto spiano. Sono sicuro che se venisse colto in flagranza di “reato”, finirebbe piuttosto male… se a questo aggiungiamo le “proteste” degli organizzatori, che tagliano l’accesso alla rete a tutti in quanto il parcheggio antistante il CS Rebeldia è pieno di auto nonostante quanto fosse stato detto sin da buon principio (di lasciarlo libero), abbiamo fatto 90.

dscf0757.jpgQuesta sera, dopo cena, ci aspetta il talk di Emmanuel Goldstein, di 2600, dal titolo “The Evolution of Hacking” e probabilmente un’altra serata-quizzone, per la quale Corrado e Danilo sono impegnati dal primo pomeriggio: stanno costruendo i pulsantoni per prenotarsi. Tra cavetteria e pezzi riciclati, vedremo cosa ne viene fuori 🙂

Nel frattempo, è stato costituita dal piuttosto nutrito gruppo di utenti di Arch presenti al meeting, la “#archlinux zone”, con tanto di totem di lattine (rigorosamente vuote) ad indicarne la locazione. Ci dovrebbe essere anche una foto-ricordo, ma non è ancora online, quindi pazienza 😛

Annunci

HackMeeting 2007 Day #0x00

Reduce da una salutare chiacchierata con pm10, che mi ha lasciato in custodia (e ricarica) il suo Shuffle, eccomi a scrivere un “breve” resoconto della giornata odierna, che volge ormai a…l mezzo del cammin di nostra giornata.

Sveglia, questa mattina, alle ore 5:30. Barba (per finta) e via a recuperare il buon Corrado (ore 6:15 pattuite, arrivo alle 6:20), Danilo (ore 6:30 pattuite, arrivo ore 7:00) ed infine Alessio (al quale avevo detto “ore 7:00” e invece sono state le 7:30), anche senza l’aiuto del famoso GPS di Danilo, il quale, basato su Windows CE, ha emesso un bel “bing, Fatal Application Error” dopo 50 metri dalla sua accensione, cercando di capire il perchè non avessi seguito una sua indicazione (perchè ero in senso opposto, ad esempio?).

A quel punto, via sparati in direzione Parma, poi da li verso La Spezia, poi verso Firenze, infine verso Pisa dove “bing, Fatal Application Error – aaaaargh!” siamo arrivati alla stazione, ed infine al CS Rebeldia (dopo aver effettivamente fatto un paio di giri per il centro di Pisa, persi tra i sensi unici, tentando di ottenere informazioni utili dal “bing – Fatal Application Error”).
Scaricati i bagagli e parcheggiata l’auto, abbiamo trovato posto nel LAN-space tra altre 200 persone ed aquistato le magliette della manifestazione (poche per la verità). Il posto è un po’ piccolo, ma ospitale; tra i vari presenti, Vecna, Zeph, Osprey, Asbesto, Giskard, Jaromil, i ragazzi dell’HackLab Caserta e persino “Emmanuel Goldstein” di 2600.

Intorno all’ora di pranzo, insieme a Danilo siamo riusciti a farci un giro fino al Campo dei Miracoli, raggiunta grazie alle preziose informazioni raccolte da Danilo:

Danilo- Salve scusi, sa indicarmi la direzione per Campo dei Miracoli?
Studentessa- Si
– imbarazzato silenzio –
Danilo- Se me la dicesse anche…

Riporto un paio di foto di Piazza del Duomo (il vero nome del Campo dei Miracoli, abbiamo poi scoperto) giusto per dimostrare che ci siamo davvero arrivati.

Campo dei Miracoli Danilo sostiene la Torre

Ritornati verso la stazione, abbiamo appena fatto in tempo a passare a dare un’occhiata al famoso murales di Keith Haring (“Tuttomondo”) ed a comprare 7 (sette) Kebab da distribuire ai 5 (cinque) affamati, di cui tre ci attendevano al centro sociale.

Pomeriggio passato all’insegna della lettura (Agatha Christie – Assassinio sull’Orient-Express), dei tentativi di connettersi ad internet (ho tutto protetto da SSL, tranne SMTP, quindi niente mail in uscita fino a nuovo ordine, non è posto dove dare password in giro :P) con una LAN che non regge il carico anche grazie ad un paio di furboni che la intasano di tentativi di arp-spoofing, e del LockPicking. A dimostrazione della mia prodezza, ho una foto documentale (ho anche un video che “dimostra” che l’ho fatto davvero io :P)

Aperto!!

Infine, 5 minuti fa (mentre già scrivevo questo post), cena vegetariana ed ora si prepara una notte memorabile…

Code is written, future is not