Come cambierà ora il Partito Democratico?

Pier Luigi Bersani è il nuovo segretario del Partito Democratico. A decretarlo (per una volta) è stato il democratico meccanismo delle elezioni primarie, che hanno visto affluire al voto nel 3 milioni di italiani e sancire l’elezione di Bersani con oltre il 50% delle preferenze, contro il 30% dell’uscente Franceschini e l’ottimo 16% di Marino. Al di la delle percentuali di preferenze ottenute dai singoli candidati, il grande tema del giorno è indubbiamente l’affluenza alle urne. Non che i 3 milioni di cittadini che hanno preso parte al voto non fossero attesi (si prevedevano tra i 2 milioni ed i 2 milioni e mezzo di votanti), ma la conferma dei numeri delle primarie precedenti (quelle di Prodi e Veltroni, per intenderci) dà certamente un’iniezione di fiducia ai militanti. Non si deve però commettere l’errore di scambiare questa affluenza per un’approvazione dell’attuale andamento del partito, anzi… Andrà inoltre approfondita (ed affrontata) la questione della disaffezione dei giovani: pochissimi a detta di tutti quelli che si sono recati alle urne.

Inoltre, questa tornata di primarie dovrà necessariamente sancire l’inizio di una fase di “cambiamento” per il partito. Se così non fosse, dubito fortemente che l’elettorato del Partito Democratico darà nuovamente “carta bianca” alla dirigenza come è capitato in questa occasione. In particolare sarà assolutamente necessario che Bersani conduca il partito sulla via della compattezza politica, dell’individuazione di una linea politica, di valori di riferimento concreti e condivisi, di proposte concrete per portare da un lato il paese a rispondere alla situazione di difficoltà in cui si trova, dall’altro (naturalmente) a vincere le prossime tornate elettorali, a partire dalle regionali di marzo.

  1. La prima cosa che l’elettorato del Partito Democratico chiede a Bersani è di tornare a fare politica efficacemente, risolvendo le divisioni interne che hanno paralizzato l’azione del partito sino ad oggi. Questo non significa (non deve significare!) uniformare le posizioni di tutti gli aderenti al partito o l’imposizione di una linea specifica (la molteplicità di vedute deve essere convertita in un valore aggiunto), bensì utilizzare il dibattito democratico, a partire dai circoli fino ai livelli più alti, sulla scelta delle azioni da intraprendere, chiedendo poi ferma coerenza sulle decisioni democraticamente ottenute. Coloro che non si adegueranno a questa linea, dovranno necessariamente essere allontanati dal partito (ogni riferimento all’ambiente dei teodem in tema di laicità dello stato e diritti è puramente casuale): se si vuole un’opposizione efficace è importante che sia unita e compatta.
  2. Proprio nell’intento di individuare una concreta linea politica, vanno sin da subito affrontati, discussi e chiariti alcuni temi chiave: immigrazione, ecologia, lavoro economia e precariato, laicità dello stato, parità di diritti per tutti, giustizia, scuola e ricerca, conflitto d’interessi, radicamento sul territorio. Nessuno di questi temi deve essere lasciato indietro, perché “fare opposizione” non può significare solo urlare e sbraitare, ma deve concretizzarsi nella proposta di alternative concrete ed efficaci a quelle proposte dal governo.

Buon lavoro allora a Bersani ed a tutti gli attivisti del partito: i prossimi mesi saranno cruciali…

Annunci

6 pensieri su “Come cambierà ora il Partito Democratico?

  1. Giovanni

    Mi unisco agli auguri: ne hanno/abbiamo bisogno.
    Interessante il risultato che dice qualcosa sull’orientamento delle persone vicine al PD.
    Un primo risultato c’é: Cicciobello ha detto (a porta a porta?) che lascia (e sembra con lui i teodem): una corretta decisione di chiarezza (comunicata, al solito, nel posto sbagliato).
    Poi una noterella sul dibattito: benissimo la ricchezza delle idee differenti ma, visto che noi elettori al parlamento non ci siamo, occorre che poi la pattuglia di deputati/senatori rispetti la libertà di chi la ha votati.
    Fin che non è chiaro questo punto il mio voto non lo cuccano: votare per un partito e vedermi rappresentato da gente che si ritiene di fare i cavoli liri mi sembra un insulto alla mia di libertà.

    Giovanni – in attesa

    Rispondi
    1. alt-os Autore articolo

      Purtroppo credo che l’uscita di un elemento o un’altro dal partito non aiuterà più di tanto a ritrovare una linea coerente e costruttiva… va prima di tutto abbandonata la logica dei contrasti tra correnti, cercando piuttosto il dibattito per arrivare a qualcosa di concreto da proporre.
      Di parole ne girano sempre troppe, ma poi, quando si tratta di parlare di cose concrete, è sempre tutto molto vago…

      Rispondi
  2. Giovanni

    Si, ma comunque va fatta chiarezza:
    avere un partito con la maggior parte delle persone propense ad una politica laica (vedi alle voci: divorzio, aborto, maternità assistita, testamento biologico, pacs) non è compatibile col fatto che questo partito poi contenga (ed elegga) delle persone che la vedono all’opposto su questi temi.
    Fuori dai denti: questa non è libertà, ma un casino), oltretutto disonesto: voglioni i voti dei laici e degli integralisti promettendo ad entrambi di farli contenti, ma questo non è possibile, e lo sanno pure loro. Continuare così significa truffare la gente.

    Giovanni

    Rispondi
    1. alt-os Autore articolo

      Condivido pienamente: è quello che intendo per “trovare coerenza”… che poi ci sia qualcuno che la pensa diversamente, è solo un arricchire il dibattito, la cosa importante è che una volta presa democraticamente la decisione, tutti siano coerenti con quanto deciso…

      Rispondi
  3. Giovanni

    Giusto per seguire:
    Corte di giustizia europea dice no ai crocifissi a scuola.
    PD si unisce al coro contro a decisione.
    Finchè non capiranno che lo stato è laico li chiamero PDC.

    Giovanni – incazzato ma non stupito

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...