La Free Software Foundation e l’iPhone

iphoneAprirò queste poche righe mettendo in chiaro un concetto, perchè conosco i miei interlocutori, so che questo post solleverà polemiche e voglio che sia tutto ben chiaro da principio: sono un fervente sostenitore del software libero (e un minimo di curricula da presentare sotto questo aspetto ce l’avrei anche), convinto come voi delle “quattro libertà” e non sono in alcun modo ne legato ne pagato da Apple per scrivere quanto segue.

Ciò premesso, cominciamo: l’iPhone sta facendo ampiamente parlare di se in questi giorni immediatamente successivi al lancio della nuova versione “3G” e come prevedibile, tra le varie reazioni sollevate troviamo anche quelle degli esponenti del software libero (armati in questo frangente del neonato “Neo 1974”, il mitico e tanto atteso OpenMoko), in particolar modo la Free Software Foundation (che non si lascia scappare un’occasione che sia una, tanto meglio così), che elenca in un interessante post le “5 ragioni per evitare l’iPhone 3G“.

In particolar modo, si fa riferimento al fatto che Apple limiti il software disponibile sulla piattaforma e lo vincoli al pagamento di “una tassa” (domanda a latere: siamo sicuri di questo? E ci sono tutte quelle applicazioni gratuite nonostante questo?), tagliando fuori di fatto il software libero, il supporto al DRM ed il mancato supporto invece per i formati audio/video liberi, come Ogg Vorbis e Theora, infine ponendo come quinto motivo per non scegliere il nuovo “melafonino” (come è stato stupidamente ribattezzato dai media) la semplice presenza di alternative ad esso.

Ora, tutto vero e sacrosanto, ma consentitemi una considerazione sulla coerenza che con questo messaggio il movimento del software libero propone: quali novità introduce l’iPhone 3G rispetto all’accoppiata generico lettore mp3 più telefonino generico proprietario? Quali dei cinque punti sopra elencati non si applicano al mio stupidissino Nokia 6120 ed ad un altro qualsiasi ipod, al limite accompagnati da un qualsiasi palmare dotato di sistema Windows Mobile o PalmOS?
Eppure non ho visto campagne contro la diffusione dei telefoni cellulari e degli (altri) ipod o lettori mp3 dotati di supporto per il DRM, consentitemi. L’iPhone 3G è una device pensata per incorporare le funzioni di un telefono “avanzato” (dotato anche di interfaccia hsdpa/umts) a quelle di un qualsiasi palmare intelligente, adattandovi una ormai collaudata ed accattivante interfaccia e l’ottimo touch screen made in Cupertino.

Dare addosso ad una device popolare come l’iPhone 3G con delle motivazioni così risibili e superficiali (il fatto che ci siano delle alternative vi pare un motivo per non scegliere l’iPhone? E di quale altro prodotto potremmo non dire la stessa cosa?) mette in cattiva luce, per l’ennesima volta, il movimento che sostiene il software libero, relegandolo ancora una volta alla solita “cantina”, esattamente allo stesso modo in cui dare sistematicamente addosso a Windows (non dico che non ve ne siano ragioni, è il modo che contesto) con argomenti spesso “superficiali e risibili” ottiene il risultato di renderci antipatici e facilmente attaccabili dai ben più esperti responsabili di pubbliche relazioni della Microsoft.

Ricordiamoci che gli utenti finali non sono (ancora, per lo meno) interessati all’aspetto tecnico, alla questione dei formati aperti, della libertà, ne sono particolarmente sensibili a metodi “invisibili” di violazione della privacy (quali il tracking di cui parla la FSF in quel post). Io capisco, comprendo e condivido, ma gli utenti no e noi rimediamo la solita figura da nerd. La diffusione dei formati liberi si fà (e si farà) nella miglior qualità del prodotto (e deve essere tangibile), nel supporto più ampio, con le device che li supportano.

Si vuole dire qualcosa davvero contro l’iPhone di Apple? Allora diciamo che non sincronizza con Linux (per il quale per altro non esiste un porting di iTunes ne una qualsiasi altra compatibilità di genere) ne con Vista (provate a sincronizzare il calendario senza Office!), che la telecamera è di scarsa qualità, che non ha il supporto per Flash (ormai indispensabile per la fruizione di parte dei siti internet), che tutto è perfettibile, che costa troppo (nonostante le offerte), che arriva in un mondo assolutamente inadatto alle potenzialità che offre (soprattutto in Italia).

Disquisiamo sulla sostanza, ma prendiamo atto che si tratta realmente di una device “rivoluzionaria” per quello che è il panorama attuale delle devices portatili (il Neo 1974 non fà testo, è un prodotto di nicchia), prendiamo atto che Apple è stata in grado di attaccare con forza e determinazione un mercato che non era il suo e in due anni ha ottenuto risultati che gli altri operatori non avevano mai ottenuto.
Sosteniamo Nokia nella scelta di aprire e migliorare Symbian, facciamone il principale concorrente di Apple su questo piano se proprio, ma per favore, per favore, ricolleghiamo la bocca prima di parlare (e le mani prima di scrivere)…

Annunci

4 pensieri su “La Free Software Foundation e l’iPhone

  1. Marina

    Al di là dei discorsi della FSF, il problema grosso che vedo io per l’iPhone è proprio quello del DRM: con il firmware 2.0 non hai più la possibilità di installare sul tuo iPhone programmi che non siano stati benedetti da mamma Apple. E questo significa che non puoi più avere controllo sul tuo apparato, in nessun modo. Ed è un problema che colpisce anche gli iPod Touch dopo che hai fatto l’aggiornamento del firmware, e non si limita all’iPhone.
    Per quello che mi riguarda, l’unico motivo per cui non ho comperato (e non comprerò) un iPhone è che preferisco avere un telefonino che faccia il telefonino, e un PDA che faccia da computer di supporto quando mi serve (ad esempio in aereo, quando con un iPhone dovrei discutere con la hostess per dieci minuti per spiegare che l’ho acceso in modalità “volo” e che il cellulare non è attivo…).

    Ciao da una Massagno assolata,
    Marina

    Rispondi
  2. stefano maffulli

    [mi sembrava di averlo postato anche ieri, magari se l’è mangiato akismet]

    giacomo, il tuo ragionamento è molto giusto ma la principale differenza tra iPhone e il tuo Nokia 6120 è che se vuoi installare sul Nokia software libero puoi farlo: ti scrivi il codice, te lo compili, e te lo installi. Io sul mio 6680 ho Frozen Bubble per esempio.

    Sul iPhone è impossibile installare codice che non sia strettamente proprietario e approvato da Apple, a meno di non scardinare il meccanismo di protezione del firmware (jailbreak). Tutto il codice deve essere firmato con chiavi crittografiche abbastanza costose e non disponibili a tutti. Con l’iPhone distribuire codice libero e coperto dalla GPLv3 è impossibile. Per questo FSF ha scritto quel post.

    Per la sincronizzazione invece il problema non si pone: usa (http://youtube.com/watch?v=4OLFLLBRUo4) Funambol iPhone Client e sincronizzi quantomeno con GNOME, mentre di iTunes possiamo tranquillamente fare a meno. 🙂

    Rispondi
  3. Giovanni

    pse:
    non diamo per scontato il futuro.
    per i-pod touch la versione 2.0 del firmware avrà …
    Vedremo, come vedremo se ci sarà un jailbreak …
    Comunque concordo con Giacomo e Marina: il problema è il DRM, allora inutile dire che manca flash.
    Meglio focalizzarci sul DRM spiegando bene che si è sotto controllo e ricordandosi che vale per praticamente tutti i telefoni in giro.
    Per l’open Moko: mi piace ma vorei sapere se ha prestazioni decenti: non basta il concept per rendere un dispositivo usabile, e concordo con Marina che una cosa stile coltellino svizzero è poco gestibile.

    Giovanni

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...