E alla fine venne il freddo

La fusione fredda è una delle grandi chimere del nostro panorama scientifico. La possibilità infatti di poter realizzare reazioni di fusione nucleare a temperature e pressioni accettabili aprirebbe la via a un’uso completamente diverso dell’energia nucleare, che diverrebbe a quel punto un qualcosa di utilizzabile nella vita quotidiana.

Per questo motivo mi lascia particolarmente compiaciuto l’annuncio che si sarebbe dimostrata la possibilità di realizzare la fusione fredda, tramite l’uso di una cella di gas di deuterio. La notizia non ha ricevuto, come prevedibile, grande risalto dalla stampa internazionale, rimasta scottata dall’annuncio del 1989 al quale fece seguito la difficoltà nel riprodurre l’esperimento originale di Fleischmann e Pons.

Non si tratterà della grande soluzione ai problemi energetici che attanagliano il nostro povero pianeta, ma sicuramente lo studio di questi fenomeni rappresenta un importante passo per la scienza dell’energia verso la reale possibilità di abbandonare i combustibili fossili.

Advertisements

5 pensieri su “E alla fine venne il freddo

  1. giovanni

    E vai con le bufale!
    Allora iniziamo:
    Gli atomi tendono a stare distanti tra di loro grazie a barriere di potenziale.
    Per fondere i nuclei occorre avvicinarli.
    Per farlo si devono usare:
    – pressioni altissime
    – energie altissima
    Questo è quello che si fa col tokamak usando il plasma (deuterio/trizio ovvero isotopi dell’idrogeno con i necessari neutroni) contenuto usando campi magnetici.
    La ‘fusione fredda’ essendo, per l’appunto ‘fredda’ non può essere ‘fusione’. Quello che hanno fatto Fleishmann e Pons è una reazione elettrochimica.
    Occhio che fondere Deuterio/Trizio in idrogeno libera quantità di energia spaventose.

    Poi capisco che abbiamo bisogno di energia ma questo non significa nulla, non è che gli atomi si commuovono delle nonstra necessità e si stringono vicini-vicini fondendosi per noi 🙂

    Concludendo: meglio rimanere scettici, la fusione fredda è ancora più chimera dell’intelligenza artificiale.

    Ciao da un calda Massagno

    Giovanni

    Rispondi
  2. alt-os Autore articolo

    @ramses: questione di hotlinking. Non ho banda da sprecare per “certe persone” che senza chiedere permessi fanno hotlinking, e quindi è disabilitato 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...