Non so che titolo dare a questo post

Non so che titolo dare, non so come commentare. Dire “non ho parole” ormai è inflazionato. Vi invito solo ad ascoltare…

Un pensiero su “Non so che titolo dare a questo post

  1. alberto

    sinceramente non capisco cosa ci sia da scandalizzarsi e perchè non avere parole.
    dove sta l’errore di ciò che si discute?
    è assolutamente reale dire che, in particolare per i più giovani, dove lo stadio della coscienza di sè e della realtà non è prettamente sviluppato al massimo, i blog sono una sola cosa: la vetrina di se, e la visibilità che essi generano è il biglietto da visita di molti ragazzi e ragazze, che non hanno la tua età e nemmeno la mia (con le debite eccezioni).

    una volta ci si bullava con gli amici al bar, all’oratorio, in piazza.
    ora sul web.

    e il blog altro non è che la trasposizione on-line, con una enorme libertà in più rispetto alle azioni che si possono/vogliono compiere nell’ambito sociale, di ciò che si è, anche se spesso ciò che si trasmette è una esagerazione di se e non la realtà. appunto è e-bulloalbar.

    diciamola tutta. in un mondo in cui conta la visibilità di se, della marca, in un mondo in cui la proliferazione dell’informazione e dei servizi e tale e tanta, anche le persone diventano oggetti da essere visti. questa è la visibilità. ed è grave che la costruzione di se derivi da questa sovraerposizione mediatica, priva del concetto di se e frutto di una società elaborata dal e devota al marketing. dove non conta il contenuto, conta l’apparire.
    [certo, grazie alla rete se poi sei una merda sei finito…vedasi appunto i blog nella loro accezione migliore di costruzione della realtà basata su esperienza diretta].

    occorre anche dire che non sempre uno è ciò che dice nei blog, sotto falso nome (o nick name che sia), quindi una dose di allarmismo è esagerata nei fatti.
    cosi come dire che in generale i blog sono solo espressione di un disagio nella costruzione di se, è troppo. ma se indirizziamo l’attenzione a ciò che dice la trasmissione, all’età dlele persone, al disagio sociale e culturale che comunque una buona fetta di scoietà giovane vive dentro di se e quindi trasponde nel quotidiano, è anche vero che la deviazione dell’immagine nell’esplosione dei contenuti e dell’informazione comporta, per chi ha meno coscienza, la necessità di essere ciò che non è. di apparire per ciò che non è. e di fare ciò che non vuole.

    a mio modo di vedere sono le ultime battute di una modalità di coscienza basata solo sull’immagine di se. cosa che è stata necessaria per uscire dall’oscurantismo religioso e culturale. ora non lo è più.
    citando fabio volo “non è che siamo più liberi, è che la corda è più lunga”. si, ma il vincolo rimane dentro di se. e queto modo di essere visibile e virtuale è il capolinea, perchè ne è l’estremo. la corda si allunga e prima o poi si spezza, mostrando cosa realmente siamo e che cosa conta davvero.

    citando invece “into the wild”: la felicità è tale se condivisa.

    ecco, mi auguro che dall’esplosione di un’ipertrofica personalità online, si giunga a comprendere che è stando insieme e non essendo i re del mondo ipervisibili invitando al consumo di se (come fossimo una lattina di qualche cosa), che si può essere felici.

    Rispondi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.