Youtube e bullismo

Youtube è ormai da parecchio tempo nell’occhio del ciclone. Come qualsiasi altro repository di media (e i blog saranno il prossimo passo), può presentare informazioni di dubbio gusto, quali video di “bullismo” o di auto lanciato ad oltre 200 km/h su strade impervie o trafficate.
E cosi, visto che a vedere come va il mondo ci si spaventa, ecco che sia Bush che Tony Blair chiedono (o fanno chiedere ai propri tirapiedi) che questi video vengano rimossi preventivamente (come, non è affar loro: fosse per loro chiederebbero di andare a piedi su Plutone e che qualcuno si dia anche una mossa a fornire la soluzione tecnica) in modo che non “arrechino danni alla società ed ai ragazzi che frequentano YouTube”.

Dopo averlo però sfruttato per i propri porci comodi, nessuno si è chiesto il perchè di quei video? Non sarà forse l’assenza di una politica seri, a livello mondiale, che porta i ragazzini più “entusiasti” a comportarsi in modo indecente? Non saranno gli scarsi poteri e mezzi consegnati nelle mani degli insegnanti? Non saranno i nulli investimenti nell’istruzione? Non saranno le scuole fatiscenti? I programmi paleolitici?

Che ognuno si prenda le proprie responsabilità, invece di nascondere ciò che non si vuole vedere sotto il tappeto: che Blair si prenda la responsabilità dello stato della scuola in Inghilterra, che i ministri italiani lo facciano per l’Italia, che la Chiesa ed i suoi continui attacchi al mondo omosessuale si prenda la responsabilità (parziale quantomeno) del suicidio del giovane Matteo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.